Città della notte
acqua sassi passi negozi di promesse
c’è un Duca bianco che sorride da una copertina
alieno alle urla alle folle alle imposizioni
che nella mano tiene il cuore
e nell’altra i miei pantaloni
di essere umano appena nato in un mondo
che gli altri non gli vogliono dare.

E lo pesa e lo distende
davanti a un Duca che non pretende
né favori né doveri ma dice soltanto
vieni a vedere la festa che comincia
quando cominci a guardarti.
Al mondo che comincia quando finisci di odiarti
e cominci a contare
lo strano e il ribelle che appaiono
come buchi nelle costellazioni
oltre questi giorni di merda e finzioni
(questo mondo che ti hanno dato è fatto di merda, lo conosco bene)
quando invece è una stella lucente,
e quelle che nascono quando le guardi,
la tua vera sorella.

Lascia stare il viaggio.

Lascia stare le scemenze spaziali
c’è vita sulla terra, anche se credi di non vederla
la puoi vendere, è vero, lo puoi fare
o lasciarla andare e crearne una nuova
più strana ancora
lipstick e lustrini prestati ai cani
le nostre esistenze addossate ai muri
impiccati dalle convenzioni
ghiacciati dalle divisioni
eroi smarriti per giorni affilati
inquilini di palazzi diroccati
mostri paurosi come compagni incrinati
di una giostra smisurata
che non si ferma
nemmeno se l’ammazzi.

La nostra via dolorosa.

Ma eccolo l’arrivo, adesso scendiamo tutti.
Adieu, adieu, adieu,
ma non alla vita
che morte vuoi che sia se vivi nella mia
e in quella di milioni di altri che ti tengono le dita
legate a quel velo ombelicale che si chiama libertà infinita
di essere ciò che siamo.

Related Posts

  • 40
    A short movie about #David Bowie - ANEW - A film for an exhibition from alcyone on Vimeo. password:  goldmine
    Tags: bowie, david