Chiara Micheli

Ascolto rock. Guardo film. Traccio segni. Inseguo visioni. Tengo Londra nel mio garage. Qualche volta dormo. E scrivo. Mi piace la verità, per questo invento storie.

Einstürzende Neubauten Live@Auditorium RAI

Letto: 4465 volte

Lament: 1. Lament / Lament: 2. Abwärstsspirale (Lament, 2014)
Einstürzende Neubauten Live@Auditorium RAI Arturo Toscanini, Torino (Italy)

ANEW – A film for an exhibition

A short movie about #David Bowie

-

ANEW – A film for an exhibition from alcyone on Vimeo.

password:  goldmine

DOODLEBUG – the first short film by Christopher Nolan

 

 

We know British filmmaker Christopher Nolan best today for directing the latest trilogy of Batman films, Batman BeginsThe Dark Knight, and The Dark Knight Rises. His recent high-profile non-superhero hit Inception made an impressive, if brief, splash as a mainstream brainbender, which, for me, faintly echoed the thrill he sent through the world of crossover independent film with 2000’s backward-told Memento. Yet, if this doesn’t make me too much of an I-liked-the-early-stuff-cliché, I still think of him most fondly for directing his 1998 feature debut Following, a 16-millimeter, black-and-white, $6000-budget tale of theft, impersonation, and identity shot on the streets of London. (One of the characters breaks into an apartment with a now-striking Batman logo on its door.) But even a project as small-scale as Following has a predecessor, Doodlebug, which you can watch above.

 

“The depths of insanity are explored by a man chasing something in his apartment with a shoe,” promises the video description of the three-minute Doodlebug. In the center of this shadowy, paranoid tale we have Jeremy Theobald, who would go on to star in Following (and appear as a Gotham Water Board Technician in Batman Begins). Nolan shot it back in his days studying English literature at University College London, a school whose film society he led and which he chose expressly for the availability of its cameras and editing gear. His early, handmade pictures have become even more fascinating to watch in light of his declarations in DGA Quarterly interview that he far prefers shooting in film to shooting digitally, and that 3D technology hasn’t much impressed him. But he hardly disdains spectacle, and the article contains a good deal of talk about how he uses CGI and crafts action sequences. Over the years, Nolan’s core enthusiasms seemingly haven’t changed; even Doodlebug, especially by student-film standards, has some pretty cool special effects.

(www.openculture.com)

 

Stupro (Rape) by Charlotte Jade Puddifoot

‘Rape’
by Charlotte Jade Puddifoot

October: I’m eighteen, shortcutting home
through an autumn-burnished churchyard -
copper-lustred leaves, moss-skinned stone -
a jaunty swing of skater skirt and arm,
college folder square-sturdy in my hand.
In the moment. In the last pale pulse of sun.

“Hey, can you tell me…?”
I halt. I turn…

Cold earth. Colder blade dimpling my skin.
My coral cameo earrings scatter,
daisy-dotting the green.
My back is spiked by needles of yews.
Sun skews, sky side-slides
until his face is the firmament.
I’m staring into the tumid blank-bloat of blue;
the ground hardening beneath me,
the death-spike trees stiffening.

Heavy Special Brew breaths,
grubby, moist fingers
like grubs crawling over my breasts,
and, weirdly, I’m smelling pepper -
horror-spice of pungent lust
its acrid nose-thrust -
and woodsmoke is drifting from somewhere…
lung-flame, tongue-flames
of searing words – his words -
blazing like the umber tumbling leaves.

“Please…Please…I’ll…”
Fear-forced bargaining, but I’m beyond care.
And I’m aware
of the church steeple rising,
its phallus penetrating sky.
The tilting church could topple
as tears crystal-crush in my eyes.
Fear-faint, already half gone
in a soundless scream, my muted mouth
mouths silent goodbyes
to Sarah, to Mum.

Time slows to a crawl.
I try to call. Nobody comes
but the man who has me ground-pinned.
Bleachy stink of semen
whitening my ripped skater skirt,
but some things don’t fade
and there is no clean in this, just dirt,
wet leaf-mulch, shame.
Ineradicable hurt.

Sacred soil is soiled, sullied.
Stunned, I stumble
shoeless, knickerless,
into the trees and heave
into the mud, into the leaves
strings of spittle-sick,
my thoughts strung out,
reality spun out.

From stinking, pulped leaves I retrieve
crushed coral earrings,
ground-grimy knickers,
my white court shoes
that whitely scream the 80s,
the scattered tatters of essays -
white, like fallen feathers, sunk in the sludge,
muddied, the red-inked words bloodied.
I gather them together.
Gather myself.
I go

forward into my future, stained from pain
and tainted touch, the smears of fear, self-disgust.
And oozing slime-soft into my ears
the mire of incongruous apology: I’m sorry
don’t tell anyone
– I won’t.

I don’t.

Akira Kurosawa’s great advice to aspiring filmmakers and writers

So simple, so true.

-

 

ADVERTISING

 Letto: 3586 volte

 

Ti avrei potuto baciare
tu che sputavi nel fazzoletto su quella panchina
tu che tossivi e guardavi lo sputo
nel tuo fazzoletto.

Le auto passavano sfondando l’asfalto
e l’aria scaldava di rabbia repressa
e tu sputavi, dimesso su quella panchina,
nei catarri d’una lingua che
s’impara solo da vecchi, o almeno cosi dicono
e ti aveva stupito quanto fosse facile, anche se straniera,
farla tua in una mezza nottata di letto e dottori.

Guardavi il fazzoletto ma lo facevi composto
tossivi e sputavi, io ascoltavo Nick Cave.

Ti guardavo attraverso il finestrino
la tua  giacca finta e il tuo cappelluccio di antica
fattura montevarchina – ne son rimasti pochi, giusto qualcuno
dentro gli armadi d’umido sfatti sui comodini fascisti
a volute.

Ma tu non eri vecchio, eri solo qualcuno
che  sedeva su una panchina e tossiva a quel male
rassegnato
a quel nostro destino che ci vuole in pio  e caloroso distacco
dietro ai finestrini
in perenne visione, spettatori sulle gradinate,
mai sporchi di sputo, figurarsi d’amore.

Per questo lo avrei baciato, lo avrei
carezzato, il tuo fazzoletto
portato alla bocca
se non mi avesse spinto la coda  ingranata
quel costante asfalto di rabbia steso
verso un altro semaforo
e un altro semaforo
un altro semaforo
un altro
unaltro

un’altra panchina
davanti una vetrina gigante
Fiatautosalone dove le auto ora invecchiano
aspettando clienti, lucide baldracche
senza  speranza di clienti se non quelli delle ore tarde
poco denaro e parecchie richieste.

Ho visto te
e il mio asfalto ha smesso di agitarsi
e il semaforo si è spento
perché lì, tu quieto, luccicavi.

C’era, su quella vetrina, l’enorme vetrofania
che ti chiamava,
EVERYDAY MASTERPIECES
e la corsa si è fermata
davanti a tanta bellezza.

Nicholas Ray: The Last Interview by Kathryn Bigelow

Letto: 3631 volte
http://www.canaltcm.com/wp-content/uploads/2012/05/Nicholas-Ray-320x240.jpg
In May 1979, during a break from filming Lightning Over Water in collaboration with Wim Wenders, Nicholas Ray granted an interview to Kathryn Bigelow and Sarah Fatima Parsons.  It was to be Nick’s last interview before dying of heart failure about a month later.

A conversation with Nicholas Ray shortly before his death, which associates small memory pieces about his life and films.

Nicholas Ray:  You know, I hate watching Johnny Guitar on television.  But I really appreciate what Andrew Sarris wrote in the «VillageVoice»:  “With ‘Johnny Guitar’ Nick Ray reaches the absolute criteria of the auteur theory.”

Question: What did you think when you went to Europe and noticed how filmmakers, especially, the French ones, were influenced by your work? Truffaut, for example?

NR: And also Godard, Rohmer.  Yes, I did have a strong influence on their work.  I’m not sure if it was always for the best.  I remember one evening I was driving home during the filming of “Rebel Without A Cause.”  We shot a scene between Jim and Plato.  I was whistling.  I was really thrilled thinking, “My God, the French will adore that scene.”

Q: Your films have also influenced the new German and American cinema.

NR: I hear that Wim Wenders is going to start a new film soon, “Hammett.”   He’s a great guy.  I think he’s had a hard time with the screenplay.

Q: He originally wanted to write it with the author of the book, Joe Gores.

NR: He tried but it didn’t work out.  It seldom does with the author of a book.  A lot of filmmakers have failed.  I myself thought I could do it, but it was a failure.  Authors fall in love with their own words, and you have to be pitiless as a director or screenwriter.

Q: So that it won’t become literature?

NR: Yes, that’s right.  I mean it’s another kind of literature.  They tend to get excited about one sentence, visualize it, and then it becomes really monotonous.  You should never talk about something you can show, and never show something you can talk about.

Q: Doesn’t it have something to do with what actors bring to a film? Continua a leggere/Continue reading

I FIDANZATI di Olmi – opening scene

Letto: 26275 volte

Italian Cinema: awesome opening scene

Se mi chiedete perché si ama il cinema, ecco.

Per Stefano e Paola, che hanno cominciato seriamente a studiare il cinema: la scena iniziale da I FIDANZATI di Olmi (1963) è una delle aperture più belle che abbia mai visto.

 

La zia di superficie e le mutande di latta – Conversazione con lo scrittore Enzo Fileno Carabba

Letto: 2878 volte


carabba

  (E.F.Carabba fotografato da Carlo Zei)


“C’erano alcuni ricordi, insistevano a seguirmi. Erano dei messaggeri.

«Noi vogliamo sistemare le cose» hanno detto.

«In che modo» ho chiesto.

«Seguici e lo saprai».

Allora li ho seguiti.”

 

La giornata è pessima, ieri prometteva tempesta, oggi mantiene acqua, ma questo pomeriggio dentro Il Caffè delle Murate l’atmosfera è calma, è caotica, c’è diversa gente piuttosto famigliare. Stasera in questa parte dell’ex carcere di Firenze fatta di mura lunghissime, senza finestre, dove una volta i detenuti soffrivano le pene della reclusione e oggi è luogo aperto alle culture, forse con altrettante pene, covaccio di letterati, attività artistiche, cinema e buffet a tutte le ore, mi ritrovo a parlare con Enzo Fileno Carabba, scrittore che ha da poco pubblicato per Mondadori

La zia subacquea e altri abissi famigliari

 zia

 

La conversazione ha decisamente urlato, sopra il vociare generale, tra svincoli di idee e parecchie tangenziali di argomenti. Tra un Bloody Mary accompagnato da un intero sedano – alle Murate sono generosi con i loro avventori – e il critico di cinema Giovanni Bogani che di certo ci ha maledetto con gentilezza mentre aspettava di iniziare la sua serata di presentazione di Uomini contro di Rosi, ecco la nostra chiacchierata. Continua a leggere/Continue reading

Raw emotion: Ewan McGregor in Velvet Goldmine

Curt Wild sings Gimme Danger

William S. Burroughs – On Writing

Letto: 6399 volte

wb33

In 1982, at Naropa University – founded by legendary Beat writer Alan Ginsberg – William S. Burroughs gave arguably one of his finest lectures on the art and craft of writing.

Burroughs talks of his friendship with fellow writer Jack Kerouac and explores Kerouac’s art and influence as a writer. Here also, we get a sense of Burroughs’ own unique insights into the craft of writing and a glimpse into some of the important influences that Kerouac had on his own work, as well as the extraordinary impact that the Beat generation have had on the history of twentieth century literature.

In Burroughs’ characteristically quirky yet insightful approach to his subject matter – the question of “who is a writer”, what writers are doing in their work, and what it means to be a writer – Burroughs makes some important remarks about Kerouac, both as a person and as a writer, and addresses a number of questions surrounding Kerouac’s life and work.

The Naropa lecture also provides a major springboard for examining a wide range of questions surrounding the Beat movement.

wb2

Can you all hear me? Good.

Someone asked Beckett what he thought of Burroughs’ work and he said rather grudgingly, “Well, he’s a writer.”

So certainly that’s true of Kerouac. I’m quoting here from a historic memoir of Americas greatest existentialist…he was the greatest existing exister. Certainly a meaningless word. Continua a leggere/Continue reading

Stazioni

Città della notte
acqua sassi passi negozi di promesse
c’è un Duca bianco che sorride da una copertina
alieno alle urla alle folle alle imposizioni
che nella mano tiene il cuore
e nell’altra i miei pantaloni
di essere umano appena nato in un mondo
che gli altri non gli vogliono dare.

E lo pesa e lo distende
davanti a un Duca che non pretende
né favori né doveri ma dice soltanto
vieni a vedere la festa che comincia
quando cominci a guardarti.
Al mondo che comincia quando finisci di odiarti
e cominci a contare
lo strano e il ribelle che appaiono
come buchi nelle costellazioni
oltre questi giorni di merda e finzioni
(questo mondo che ti hanno dato è fatto di merda, lo conosco bene)
quando invece è una stella lucente,
e quelle che nascono quando le guardi,
la tua vera sorella.

Lascia stare il viaggio.

Lascia stare le scemenze spaziali
c’è vita sulla terra, anche se credi di non vederla
la puoi vendere, è vero, lo puoi fare
o lasciarla andare e crearne una nuova
più strana ancora
lipstick e lustrini prestati ai cani
le nostre esistenze addossate ai muri
impiccati dalle convenzioni
ghiacciati dalle divisioni
eroi smarriti per giorni affilati
inquilini di palazzi diroccati
mostri paurosi come compagni incrinati
di una giostra smisurata
che non si ferma
nemmeno se l’ammazzi.

La nostra via dolorosa.

Ma eccolo l’arrivo, adesso scendiamo tutti.
Adieu, adieu, adieu,
ma non alla vita
che morte vuoi che sia se vivi nella mia
e in quella di milioni di altri che ti tengono le dita
legate a quel velo ombelicale che si chiama libertà infinita
di essere ciò che siamo.

ANUBI di Marco Taddei e Simone Angelini

(GRRRz Comic Art Books)

anubilarge

Frutto di un lavoro iniziato nel 2013, Anubi è la prima prova sulla lunga distanza di Marco Taddei e Simone Angelini, coppia di autori che in precedenza s’era fatta notare per le raccolte di racconti Storie brevi e senza pietà e Altre storie brevi e senza pietà, entrambe pubblicate da Bel-Ami Edizioni.

Incentrato sulla bizzarra vita di una versione moderna-contemporanea del Dio-Cane e su un’altrettanto strampalata carrellata di personaggi che gli ruotano attorno (il collega di divinità Horus, Burroughs, il Clown, Travis…), arricchito da un disegno all’apparenza dimesso, ma profondamente funzionale al racconto. QUI l’anteprima.

(fumettologica.it)

Il grande murales di William Kentridge

Il progetto di William Kentridge per i muraglioni del Tevere

Il progetto di William Kentridge per i muraglioni del Tevere

MIGLIOR PROGETTO 2016 – Il grande murales di William Kentridge a Roma: la sua realizzazione laverà un’onta che gravava sulla classe dirigente italiana, miope nell’ostacolarlo da anni. E donerà alla Capitale la più grande opera mai realizzata da quello che resta uno dei maggiori artisti viventi. Menzione per il grattacielo “Storto” firmato da Zaha Hadid a CityLife, a Milano, che sarà un’architettura potentissima come una scultura di Giovanni Anselmo

Great Film Noir Directors of the 1940′s

Great Film Noir Directors

of the 1940′s

 

By   |   

For fans of the Film Noir genre, including myself, there is little doubt that the 1940′s produced a wealth of noir directed by many of the greatest film noir directors in the genres history. It was these early noir efforts that would take the genre well into the 1950′s.

The success of the following directors is not in any way limited to the 1940′s, or to film noir exclusively. Many started earlier, and/or continued with their directorial success for decades to come in numerous film genres.

continua a leggere

 

6 Novembre 1975: Quando Pier Paolo Pasolini tornò ancora una volta da sua madre

PASOLINI MAMMA OK

Secondo alcuni racconti proibiti, quando l’Arcangelo si parò di fronte alla Vergine per portarle la notizia inaudita, alle spalle della giovane Maria si materializzò un’immensa croce nera. Si fosse voltata un istante, la ragazza di Nazaret l’avrebbe visto quel segno del male lacerante che il miracolo dell’Incarnazione si portava dentro. Ma Maria non ha bisogno di voltarsi; percepisce chiaramente, dentro la luce sfavillante della voce di Gabriele, l’abisso agghiacciante della Croce. Lei presente in sé, inestricabile dalla vita, la morte del suo amore. Piena di grazia, Maria chiuse allora gli occhi chiari e, dicono le narrazioni apocrife, lacrime calde come sangue le bagnarono le guance. Rimaneva sola e muta, cercando invano, con lo sguardo, orme angeliche lasciate nel silenzio; ma l’Arcangelo ormai se n’era andato. Tutto taceva.

In un identico tacere sconfinato, una mattina, qualche minuto prima delle otto, ticchettii di macchina da scrivere, dolci come voci di grillo, rimbalzano negli orecchi di Susanna Colussi, vedova Pasolini. Non mangia quasi niente da quattro giorni. I libri ammonticchiati sul tavolo,

continua a leggere

 

La gloria del 70mm Ultra Panavision nel film di Tarantino THE HATEFUL HEIGHT

The Hateful Eight (2015)

D

 

VV

 

C

-R

V

This Is Orson Welles by Bogdanovich

Letto: 4374 volte

Le spettacolari interviste di Bogdanovich con Orson Welles

41iGtCvC-8L._SX311_BO1,204,203,200_

Recordings of almost 4 hours of a series of interviews conducted by director/author Peter Bogdanovich with Welles between the years 1969 and 1972.

Il libro anche. Non esiste più purtroppo la versione italiana. Gentilissimi Baldini e Castoldi, quando volete, credo molti sarebbero contenti di riaverlo…. digitale magari, perché no.

.

.
Peter Bogdanovich: How about Rogopag?

 

Orson Welles: Can’t believe that. I was never in a picture with a name like that.

 

Bogdanovich: In one episode directed by Pasolini. You played a movie director.

 

Welles: Oh, yes… Censored, in Italy at least, after one single screening in Venice.

 

Bogdanovich: I didn’t think it was very good. Continua a leggere/Continue reading

BBC Interviews with remarkable authors: JRR Tolkien

The views of the author and Oxford’s students on Tolkien’s Middle-earth epics.

CHANNEL | BBC 2

FIRST BROADCAST | 30 March 1968

John Izzard meets with JRR Tolkien at his home, walking with him through the Oxford locations that he loves while hearing the author’s own views about his wildly successful high-fantasy novels. Tolkien shares his love of nature and beer and his admiration for ‘trenchermen’ in this genial and affectionate programme. The brief interviews with Oxford students that are dotted throughout reveal the full range of opinions elicited by ‘The Lord of the Rings’, from wild enthusiasm to mild contempt.

BDid you know?

Tolkien fell in love with Edith Bratt when he was 16. They were then separated for five years because his guardian refused to allow him to contact Edith until he was 21. They married on 22 March 1916, just before Tolkien departed to serve in France during World War I, and remained a close and devoted couple until Edith’s death in 1971. Tolkien had the name ‘Luthien’ engraved on her headstone and then, when he died in 1973, was buried in the same grave and had the name ‘Beren’ added to the memorial. Tolkien described the epic love story of the Elvish princess Luthien and the mortal Beren in ‘The Silmarillion’. In the universe of ‘The Lord of the Rings’, it is considered to be the greatest romance of the Elder Days.

Outer Space ~ Peter Tscherkassky

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte (teatro)

The Curious Incident of the Dog in the Night-Time
The Curious Incident of the Dog in the Night-Time (play).jpg
Written by Mark Haddon, adapted by Simon Stephens

-

TRUE DETECTIVE stagione 2 Episodio 8 “Stazione finale” – Una recensione

Letto: 5934 volte

Questo è il mondo che ci meritiamo

True Detective 2×08 – "Omega station"

td84

SPOILER ALERT

Avevo previsto polvere e polvere abbiamo avuto. Quest’ultimo episodio spezza il cuore: diretto da John Crowley, il regista di Intermission, sempre con C.Farrell, e di un altro film interessante che è Boy A, aveva diretto anche l’episodio 5.

Ritroviamo Ray e Ani a letto. Dopo l’amore, pochi attimi di tregua nel motel fuori dal mondo, ricordano i loro traumi. Ani ricorda i suoi quattro giorni di oscurità e la sensazione di orgoglio con quel mostro che la chiamava carina. Ray confessa di aver ucciso il ragazzo che era stato indotto a credere avesse violentato la moglie. E mentre si raccontano, le scene sono tagliate da altre scene del dopo, quando il calore del letto è finito, finite le confessioni e la fredda luce del giorno sale aspettando Paul che non arriva. E non arriverà, lo sappiamo. Continua a leggere/Continue reading

“The Simple Art of Murder” by Raymond Chandler

Letto: 27836 volte

Raymond Chandler

La semplice arte del delitto

dove Chandler getta le basi del romanzo poliziesco.

IT-La traduzione italiana classica di Oreste del Buono si trova in parecchie edizioni della raccolta di racconti con lo stesso titolo.

Una traduzione recente online è qui

ENG- The essay was first published in The Atlantic Monthly in December 1944. It is considered a seminal piece of literary criticism: although Chandler’s primary topic is the art of detective fiction, he touches on general literature and modern society as well.

chan


Raymond Chandler
“The Simple Art of Murder”

Fiction in any form has always intended to be realistic. Old-fashioned novels which now seem stilted and artificial to the point of burlesque did not appear that way to the people who first read them. Writers like Fielding and Smollett could seem realistic in the modern sense because they dealt largely with uninhibited characters, many of whom were about two jumps ahead of the police, but Jane Austen’s chronicles of highly inhibited people against a background of rural gentility seem real enough psychologically. There is plenty of that kind of social and emotional hypocrisy around today. Add to it a liberal dose of intellectual pretentiousness Continua a leggere/Continue reading

TRUE DETECTIVE stagione 2 Episodio 7 “Stanze di un motel” – Una recensione

Letto: 4672 volte

Sto solo cercando di essere un uomo perbene

True Detective 2×07 – "Black Maps And Motel Rooms"

td72

 SPOILER ALERT

Che noir sia, l’episodio più truce è arrivato.

Queste mappe nere, riferimento all’arte di  David Maisel

 https://steidl.de/flycms/Books/Black-Maps-1322252941.html

  td71

e alle sue foto che ci invadono gli occhi a ogni episodio, incombenti, e la stanza di un innocuo motel come unico posto riconoscibile in un mondo che si sta sgretolando e sfaldando, rotolano giù calcinacci di uomini come pezzi di case, traballano, diventano polvere.

La complessità di un intreccio narrativo che niente ha a che vedere con le trame iperprofessionali ma usa e getta di un Csi/Law&Order che tutti vorrebbero, ma con quelle di un romanzo con storie e sottotrame, in questo episodio esplode in tutta la sua grandezza, e se c’è qualcosa che non torna, andiamoci tutti a rileggere Chandler, Addio mia amata e Il grande Sonno, un bel po’ di Hammett di Red Harvest – Piombo e sangue o Raccolto Rosso (a seconda delle traduzioni),

td712

e Il Grande Nulla,

td713

perché solo lì ci sono le risposte; e poi ci depurano da troppe stagioni di visioni seriali che banalizzano il gusto e addormentano il cervello.

Affrontiamo allora un episodio densissimo. Continua a leggere/Continue reading

GOLIATH by Neil Gaiman – A Short Story

Letto: 13514 volte

Scritto come racconto promozionale per il film
The Matrix

ENG/ITA

GOLIATH era una volta presente sul sito ufficiale del film, oggi sparito.

GOLIA

Credo di poter affermare di aver sempre sospettato che il mondo fosse una finzione scadente e a buon mercato, una pessima copertura per qualcosa di più profondo e bizzarro e infinitamente più strano, e che, in qualche maniera, io conoscessi già la verità. Ma penso che, semplicemente, il mondo sia sempre stato così. E persino adesso che so la verità, come poi la apprenderai anche tu, tesoro, se stai leggendo, il mondo sembra ancora scadente e a buon mercato. Mondo differente, spazzatura differente, ma questo è quello che sento. Continua a leggere/Continue reading

TRUE DETECTIVE stagione 2 Episodio 6 “Il destino crudele delle orge” – Una recensione

Letto: 7710 volte

Qualcuno muore ogni secondo e non tutti sono così fortunati da farlo in California

True Detective 2×06 – "Church in ruins"

td63
SPOILER ALERT

.
True Detective arriva finalmente dove ha voluto portarci fin dall’inizio: uno degli ormai famosi festini segreti per gente ricca, che molto ha in comune con la scena di Eyes Wide Shut: infatti discretamente brutti entrambi. Ma cominciamo.

Naturalmente Frank e Ray non finiscono per spararsi, anche se hanno le pistole puntate uno verso l’altro sotto il tavolo della cucina, fredda e asettica intorno a loro mentre si guardano. Frank non lo ha tradito, era in buona fede e lo aiuterà a cercare la persona che ha dato l’info sbagliata. Anzi, dice a Ray che gli dispiacerebbe arrivassero alle armi, è per lui qualcosa che si avvicina a un amico. Se gli dobbiamo credere, quanto di fottuto c’è in tutto questo? Certo non inaspettato.

td64

Se Ray mantiene la calma al tavolo della colazione di Frank, poco gli riesce Continua a leggere/Continue reading

Lucien Clergue Fotografo

http://digiphotostatic.libero.it/HoPosatoLaMaschera/med/7b8e5b8e5e_1738635_med.jpg

TRUE DETECTIVE stagione 2 Episodio 5 “Altre vite” – Una recensione

Letto: 6255 volte

La lealtà è importante e di regola dolorosa

True Detective 2×05 – "Other lives"

td ban2

SPOILER ALERT

Il quinto episodio – che io continuo a chiamare puntata o capitolo, e se non è un lapsus questo che vuol dire tutto – ha uno squarcio netto verso la fine ma che arriva zitto zitto, non fa il rumore assordante dello shootout del finale nel quarto, però è più conflagrante: ci dice che tutto è fondato su una menzogna, tutto parte da una menzogna che rimette in discussione le fondamenta di ciò che abbiamo visto finora. Non a caso la rivelazione avviene in un episodio che è anche il reboot delle vite che ne fanno parte.

Questo episodio sicuramente piacerà più degli altri perché è più tradizionale, la storia vince sopra i personaggi, e ricalca il modus operandi di milioni di telefilm USA, c’è l’inchiesta, ci si muove, si cercano tracce: è il secondo che Pizzolatto scrive con l’amico Scott Lasser che lo aiuta nella seconda parte di questa stagione, e dei cinque finora visti è quello che ha avuto per me meno lampi di emozione, meno tremore nel suo strisciare nelle anime perse che io preferisco, ma per il resto niente da dire, impeccabile.

Niente da dire anche sul fatto che ogni settimana la canzone iniziale di Leonard Cohen cambi le proprie liriche per adattarle al concetto dell’episodio, componendo a tessere un quadro che sarà completo nel finale. Procede così come procede la storia, appunto.

td54

Si riparte 66 giorni dopo la sparatoria.

Ray ha perso baffi e lavoro ma non le sue orrende camicie e adesso fa il galoppino per Frank; tra poco Continua a leggere/Continue reading

Per ricordare Franco Scaglia – Tre volte Gerusalemme

Letto: 3391 volte

Narratore tra cinema, teatro, libri e tv, uno dei documentari più belli prodotti dalla Rai

 

 

TRUE DETECTIVE stagione 2 Episodio 4 “Tutti giù per terra” – Una recensione

Letto: 5461 volte

Tutti vengono al mondo con il loro dolore

True Detective 2×04 – "Down will come"

Rock-a-bye baby
On the tree top,
When the wind blows
The cradle will rock,
When the bough breaks
The cradle will fall and
Down will come baby,
Cradle and all.

td9

SPOILER ALERT

Splendido episodio. Siamo a metà serie e il finale di questa quarta puntata è quello che si dice un discreto colpo allo stomaco, ma come non aspettarselo? Un altro tour de force che fa il paio con quello della prima serie, alla metà perfetta dell’arco narrativo. Il regista questa volta è Podeswa, canadese, conosciuto per due bellissimi film come Eclipse e I cinque Sensi e attivo anche in tv per i cable channels,  Hbo, Showtime.
Nella fattispecie è un classico shootout in South L.A., nella realtà è… beh, ci arriviamo.

La filastrocca di cui sopra è una lullaby tradizionale e quale motivo migliore per una puntata dove sono i figli, che non arrivano, che ti vengono portati via, che si annunciano inaspettati, che fanno scelte poco ortodosse, il tema tormentoso dei protagonisti?

Cominciamo col riprendere i nostri quattro personaggi e le indagini, che proseguono battendo la via dei parties e della prostituzione, una indagine pedissequa e di routine, nessun fuoco d’artificio. I Chessani sono la stirpe del sindaco e in qualche modo la famiglia dove tutto annusa, tra progenitori e figli, di corruzione. Intorno figure che appaiono e ricompaiono, come il Dottor Pitlor, e passate connivenze.

td41

Ani è sotto investigazione, molto sessista, per la sua relazione con il subordinato e ha debiti di gioco. Paul, che poi alla fine col compagno del deserto ci trascorre la notte, Continua a leggere/Continue reading

« Older posts
Feed Shark

© 2017 Chiara Micheli

Theme by Anders NorenUp ↑